NOTA! Questo sito utilizza i cookie tecnici.

 Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più

Formazione

CORSI NAZIONALI

• Ogni anno, la CNF, sulla base delle proposte delle Strutture ed in linea con le politiche formative dell’Ente, predispone un Piano Formativo Nazionale al quale può accedere, con parità di opportunità, tutto il personale INFN. Per consentire a tutti le stesse opportunità formative, si deve effettuare una rotazione nella partecipazione (di norma, un corso all’anno per persona).

• L’accesso ai corsi avviene sulla base di schede di adesione compilate dagli interessati e vistate dal Direttore della Struttura ove il personale afferisce.

• Le schede vengono trasmesse all’Ufficio Formazione dal Referente Locale per la Formazione, che mantiene in tal modo una base di dati relativa alla partecipazione ai corsi nazionali da parte dei dipendenti della Struttura di riferimento.

• L’organizzazione e gestione dei corsi nazionali viene effettuata dall’Ufficio Formazione del Personale della Direzione Affari del Personale, in collaborazione con il responsabile ed i docenti dei corsi stessi.

• Come previsto con Disposizione del Presidente INFN n. 7916 del 10.01.2000, il responsabile incaricato della organizzazione del corso, almeno quindici giorni prima dell’inizio del corso stesso, fa pervenire al Presidente della CNF una proposta contenente l’elenco dei docenti previsti e degli eventuali assistenti, con l’indicazione delle ore e delle giornate di docenza o di assistenza previste per ciascuno; per il personale non dipendente né titolare di incarico di ricerca o associazione scientifica o tecnologica, viene allegato il curriculum dell’interessato e indicato il compenso proposto.

• Il Presidente dell’INFN, sentito il parere del Presidente della CNF e sulla base della proposta del responsabile del corso, nomina con propria disposizione i docenti del corso medesimo, fissando, per il personale non dipendente né titolare di incarico di ricerca o associazione scientifica o tecnologica, il relativo compenso.

• Al termine del corso, il responsabile invia all’Ufficio Formazione una relazione finale, nella quale indica il calendario effettivo delle lezioni e le effettive ore di docenza e/o assistenza per ciascun docente e/o assistente, mediante la compilazione dell'apposita scheda, che verrà vistata dal Direttore della Struttura ospitante. Su questa base, la Direzione Affari del Personale provvede alla liquidazione dei compensi relativi alla docenza, nonché alla liquidazione delle spese di missione effettuate dal personale dipendente, associato o esterno, che abbia svolto attività organizzativa o di docenza, a valere sui fondi centrali per la formazione.

• Le spese organizzative ed il trattamento di missione dei docenti e degli organizzatori, potranno essere liquidate anche dalle Strutture ospitanti i corsi, che si rivarranno successivamente degli importi anticipati sugli appositi fondi nazionali.

 

CORSI LOCALI

• Ogni Struttura predispone un Piano Formativo Locale, elaborato con il contributo del personale afferente la Struttura e del Referente Locale per la Formazione.

• Il P.F. locale prevede i corsi – interni ed esterni - che verranno attivati dalla Struttura nel corso dell’anno, con l’indicazione del programma e del possibile target. Per i corsi interni viene indicato anche il responsabile del corso ed i possibili docenti.

• L'accesso e la frequenza ai corsi di lingue sono basati sul regolare svolgimento di test volti a valutare il livello di conoscenza della lingua ed il relativo profitto al termine di ciascun corso. La frequenza di corsi specialistici e/o di livello molto avanzato è legata all’espletamento di particolari funzioni del personale che vi partecipa.

• Ogni Struttura elaborerà un preventivo di spesa globale per la realizzazione di ciascuna attività formativa (interna ed esterna) rivolta al proprio personale.

• La CNF prende in esame le proposte dei Direttori delle Strutture.

• Sulla base del Piano Formativo approvato, la CNF predispone, all’inizio dell’anno, l’assegnazione dei fondi sui capitoli locali della Formazione.

• Almeno una volta l’anno (in giugno-luglio) va effettuato un monitoraggio della spesa sul capitolo locale della formazione, il cui esito va comunicato alla CNF e all’Ufficio Formazione perché si possano predisporre eventuali integrazioni rispetto all’assegnazione iniziale, tenendo conto anche di eventuali ulteriori proposte;

• Dell’inizio di ciascun corso, va data notizia all’Ufficio Formazione, con almeno 15 giorni di anticipo, indicando il programma, i docenti, il responsabile ed il target di riferimento. Su questa base, il Presidente dell'INFN provvede a nominare, con propria disposizione, i docenti del corso, analogamente a quanto avviene per i corsi nazionali.

• Alla fine del corso, il Direttore trasmette all’Ufficio Formazione una relazione contenente le ore di lezione e/o assistenza effettuate dai docenti, mediante la compilazione dell'apposita scheda, nonché l’elenco dei dipendenti che l’hanno seguito. Su questa base, verranno predisposti gli atti relativi al pagamento dei docenti e/o assistenti dipendenti.

• Il trattamento economico e di missione per i docenti/assistenti dei corsi locali è quello vigente per i corsi nazionali.

• Del Piano Formativo Nazionale e dei Piani Formativi Locali verrà data la massima diffusione, presso tutto il personale, attraverso un apposito spazio informativo contenuto nella pagine Web delle singole Strutture e raccolto nella pagina Web della Formazione nazionale, curata dall’Ufficio Formazione.

 

Referente locale della formazione : Ceres Angelo